METEOR SCATTER
Le spettacolari immagini dell'eclissi lunare...

Storia della
radioastromia
Radio Emissioni
da Giove
Radioastronomia
Amatoriale
Meteor Scatter
OSSERVAZIONI  RADIO  METEORICHE
 
Tra le numerose attività  Radio Osservative  sperimentali  da  me  seguite  assumono  rilievo anche  le sperimentazioni  sul  Meteor Scatter.
Dopo aver acquisito  numerose  informazioni  scientifiche  riguardo  l'argomento  ho iniziato  la  mia attività  di ricerca  seguendo  il  transito delle Bootidi  visibili nel mese Giugno .
Questo sciame raggiunge  il  suo picco massimo  nel mese  Giugno.
Il gruppo delle Meteore sopra citate  appartiene alla cometa (7P/PONS- WINNECKE) che ha eseguito numerosi  transiti nei passati  secoli sin dal 1819.
 
 
MODALITA   OSSERVATIVE
 
La pratica  di questa  interessante  attività  sperimentale  può  essere  seguita  in due distinti modi:
1)Ricezione di echi radio trasmessi  tramite  Radar.
2)Ricezione  echi radio di  emittenti radio televisivi terrestri.
 
 
OSSERVAZIONI  BOOTIDI - GIUGNO 2004
 
1°  Sessione Osservativa :Come  accennato  nell'introduzione  il  22 Giugno  2004  ho iniziato  le mie  prime  osservazioni  radio  in occasione  di una  modesta attività  meteorica delle Bootidi .
Da  alcune  analisi  effettuate  da prestigiosi  centri di ricerca  si evidenzia una  positiva attività  iniziale  dello sciame  in occasione  dei giorni  22/23/24/25 Giugno 2004.
Questa previsione  aveva un suo  massimo nella notte  tra il 24 e il 25  Giugno  con una buona visibilità nel continente Americano.
I grafici  qui riportati raffigurano le quattro  giornate   osservate .
Particolare  interesse  è stato rivolto al  grafico relativo alla notte tra il 24  e il 25  in cui  alle ore 05.00 locali  sono stati  registrati  ben 57 echi radio solo in un  ora.
E palese  ormai  che l'osservazione  delle meteore in campo ottico  e soggetto alle  condizioni meteo, in banda  radio  le condizioni climatiche  non  ostacolano  la ricezione degli echi, ma   può  essere  un grosso ostacolo  l'improvvisa  apertura  della propagazione in   E  Sporadico  o  via  Tropo Scatter.
Risultano  quindi  molto  attendibili  le osservazioni  effettuate  nelle prime 7 ore  notturne  perché  prive  di propagazione  Ionosferica.
A tal proposito  sono stati analizzati  dati  relativi  alle  osservazioni  notturne  effettuate  da osservatori  europei.
 
 
RICEZIONE TRAMITE  RADAR  METEOR SCATTER
 
Nel primo  caso  il segnale  radio trasmesso da un trasmettitore radar verso  lo spazio  viene riflesso dallo strato ionizzante  lasciato dalla  meteora  quando quest'ultima  entra in contatto con la nostra atmosfera.
In questo caso è il  Plasma  lasciato dal meteorite che si comporta da  specchio riflettente permettendo la ricezione  dell'eco  Radar.
 
 
RICEZIONE TRAMITE EMITTENTI  RADIO TELEVISIVI  TERRESTRI:
 
Il secondo  metodo osservativo prevede l'utilizzo di un segnale  radio trasmesso da una  emittente radio televisiva.
Il segnale  irradiato  normalmente dalla stazione  viene riflesso  dal  Meteoroide  che attraversa la nostra atmosfera,  in particolare  la riflessione  avviene come nel primo caso grazie al plasma  emesso  dalla meteora che  risulta ionizzato  e riflette verso la terra i segnali  radio trasmessi  per una durata di  frazione di secondo  o  alcuni secondi  in base  alla grandezza del meteorite.
 
 
FREQUENZE UTILIZZATE  PER LE OSSERVAZIONI :
 
La ricezione degli  echi radar  avviene  su frequenze  molto elevate  GHZ con  l'utilizzo  di paraboloidi.
Sicuramente  molto più semplice  sono  le osservazioni  che possono  essere  fatte  tramite  la ricezione  dei  segnali  radio televisivi.
In questo  caso si  utilizzano  frequenze  che  oscillano  tra i 40 MHZ  e  i 150 MHZ facendo uso   di una  più economica  strumentazione abitualmente  presente  nelle  nostre case.
 
 
DESCRIZIONE  DI UNA  SEMPLICE  STAZIONE  PER  IL  METEOR SCATTER
 
Antenna :Le antenne  che si utilizzano  normalmente  per  questo scopo  sono le antenne  direttive  Yagi  in particolare  quelle  usate per la ricezione della 1° Banda  VHF.
Il Ricevitore: Dal tipo  di ricevitore  che si  utilizza  per lo scopo  è   dipesa  la qualità  delle osservazioni.
Possono essere  utilizzati  comuni  ricevitori  radio normalmente  usati  in casa  che hanno una scansione  di frequenza  che oscilla  dagli 88 ai 108 MHZ.
Bisogna  però  sottolineare  che in questa  banda  radio  è difficoltoso  trovare  una porzione  di frequenza libera  da interferenze.
Si possono  invece  effettuare  ottime  osservazioni  su una fascia  di  frequenze che vanno  dai  40MHZ  ai  60MHZ.
In questa  banda  sono  presenti  alcune  emittenti  televisive  in particolare  dall'est  Europa  che trasmettono  con notevole  potenza circa 150Kw.
L'emittente  deve però trovarsi  ad una distanza  non inferiore  ai 500Km  e non  superiore  ai  1500Km. rispetto  al nostro  sito  di ascolto, questa distanza  risulta  indispensabile  per le attività di Meteor Scatter.
 
 
IL SISTEMA DI  ACQUISIZIONE  DATI:
 
Si utilizza  un  comune  PC  dal  comune 486 al  più moderno  PC  le osservazioni non  richiedono  l'uso  di  un computer  molto veloce per l'acquisizione  degli echi radio.
Una piccola  interfaccia  converte  i  segnali  ricevuti  in impulsi  digitali  ad  8 Bit  che tramite   un apposito  programma  in MS DOS  quantifica  gli echi radio  ricevuti  nell'arco  delle 24 ore .
 Personalmente  utilizzo  un  programma  realizzato  dal francese (Pierre- Terrier ) con  la sigla  di  (Colorgramme)  disponibile  in versione  free.  sul sito internet (http://radio.meteor.free.fr/us/main.html)
 
OSSERVAZIONI BOOTIDI DAL 22 AL 25 GIUGNO 2004
Attività notturna BOOTIDI
Sistema Utilizzato per il Meteor scatter